Aiutiamo le famiglie e gli amici a onorare i loro cari.

Il lutto nei bambini

Per molti bambini e giovani cuori, l’esperienza struggente della perdita di un nonno o di una nonna rappresenta un tuffo nel mondo imprevedibile del lutto, una danza emozionale intricata che pu√≤ toccarli profondamente. I genitori, gi√† chiamati a gestire il peso del loro dolore, si trovano altres√¨ a dover continuare a fungere da baluardo per i propri piccoli, con il compito delicato di spiegare loro il significato del distacco.

Il tema della morte, come un’ombra persistente, si fa strada nelle vite dei nostri bambini, manifestandosi attraverso una sinfonia di notizie avverse e immagini di malattie e dipartite, trasportate da internet, radio, giornali e televisioni che scandiscono il ritmo quotidiano. In questo intricato intreccio di eventi, ogni bambino ha il suo incontro personale con il concetto di perdita, spesso anticipato dalla partenza di un pesciolino rosso o di un cagnolino, preparandoli a comprendere il significato della morte in un modo che solo il cuore innocente di un bambino pu√≤ percepire.

Affrontare la morte di una figura cara diviene un viaggio travagliato per tutti, ma ancor di pi√Ļ per i pi√Ļ giovani. I bambini, imbevuti di un dolore altrettanto profondo, sentono il terreno della sicurezza familiare tremare sotto i loro piedi, poich√© la sofferenza si diffonde nell’intero nucleo familiare. Il dolore diventa un’ombra dilatata, minacciando di oscurare le luci guida e destabilizzare i punti di riferimento che i bambini avevano dato per scontati.

Il bambino, essere sensibile ed empatico per natura, cerca autenticit√† e verit√†, ancor prima di quanto possiamo immaginare. Essi “sentono” l’atmosfera carica di tristezza e pesantezza che permea la casa, riconoscendo il lutto come un capitolo inaspettato della loro storia. Lasciare i bambini nell’oscurit√†, evitando di spiegare ci√≤ che sta accadendo, √® un errore controproducente. In assenza di risposte chiare, i giovani si inventano spesso narrazioni errate, spesso auto centriche, giungendo persino a attribuirsi la colpa della scomparsa di un nonno o di un fratellino.

Il modo in cui un bambino affronta il lutto √® un balletto unico, influenzato da una sinfonia di fattori, alcuni interni come la propria personalit√† e il legame emotivo con il defunto, altri esterni, tra cui l’et√†. La possibilit√† di partecipare ai rituali di cura e congedo, l’espressione libera della sofferenza e la continuazione della vita quotidiana emergono come guide luminose nel percorso oscuro della perdita. Al contrario, l’improvvisit√† e la gravit√† della morte, i traumi pregressi e le difficolt√† nelle relazioni, cos√¨ come la difficolt√† degli adulti superstiti nel prendersi cura del bambino, si frappongono come nuvole minacciose sul cielo del processo di lutto.

Inoltre, quando una malattia incurabile si insinua nella vita di una persona cara, una tempesta si profila all’orizzonte per l’intera famiglia. Troppo spesso, i bambini vengono tenuti all’oscuro di questo travaglio, mentre in realt√†, anche i pi√Ļ piccoli meritano di essere coinvolti nel delicato processo di cambiamento che il lutto inevitabilmente comporta. La prontezza a rispondere alle domande, anche le pi√Ļ difficili, √® essenziale.

I bambini, passo dopo passo, acquisiscono gradualmente la padronanza del concetto di morte e la capacità di affrontare le perdite. Nelle prime fasi, fino ai 3 anni, i bambini potrebbero non comprendere appieno la morte, ma sono estremamente sensibili alle emozioni degli adulti di riferimento. Quando il cuore degli adulti è intriso di tristezza e dolore, il bambino avverte che qualcosa non va, manifestando il proprio disagio con comportamenti irritabili, irrequieti e inclini al pianto. In questi momenti, un surplus di affetto, manifestato attraverso coccole, abbracci e rassicurazioni, può costituire una bussola consolatoria.

Tra i 3 e i 5 anni, i bambini vivono la morte come un evento temporaneo, credendo che la persona cara torner√† prima o poi. Comprendono la differenza tra ci√≤ che √® vivo e ci√≤ che non lo √®, ma la concezione dell’irreversibilit√† della morte non √® ancora chiara. Potrebbero cercare il defunto e chiedere con innocenza e curiosit√†: “Dove √® andato?” o “Quando torner√†?”. La morte diventa un viaggio, un sonno profondo, un ciclo che prevede un ritorno. Rispondere a tali domande con coerenza e realisticit√† diventa fondamentale, poich√© in questa fase i bambini cominciano a provare dolore e sofferenza per la perdita.

Da 6 a 8 anni, la consapevolezza dell’irreversibilit√† della morte si fa strada. Le perdite delle persone care assumono contorni pi√Ļ reali e definitivi, accompagnate da una crescente paura e ansia. I bambini di questa fascia d’et√† possono sviluppare una curiosit√† verso i rituali come i funerali, ma l’incapacit√† di gestire completamente le emozioni pu√≤ tradursi in comportamenti aggressivi, frustrazione e rabbia.

Tra i 9 e i 12 anni, la comprensione della morte diventa pi√Ļ matura, ma le sfide nella gestione delle emozioni persistono. La fase di elaborazione del lutto in questa et√† si caratterizza da una consapevolezza chiara della morte come evento irreversibile. Tuttavia, alcuni bambini possono ancora tentare di nascondere le proprie emozioni, cercando di apparire forti e capaci di fronteggiare la sofferenza.

Il processo di elaborazione del lutto nei bambini differisce da quello degli adulti. Le fasi sono vissute con minore stabilit√†, e le emozioni si alternano in un balletto intricato. I tempi di elaborazione sono altamente soggettivi, dipendendo da una molteplicit√† di fattori, tra cui l’et√† del bambino, le sue competenze emotive e gli strumenti a disposizione, le circostanze della scomparsa (se improvvisa, traumatica, graduale o annunciata a causa di una malattia a lungo termine), e la qualit√† del rapporto con la persona defunta.

Inoltre, √® fondamentale sottolineare che non esiste un unico modo “corretto” di reagire al lutto. Ogni bambino porta il proprio bagaglio emotivo e affronta il dolore in modo unico. Come menzionato in precedenza, gli adulti, oltre a confrontarsi con la loro personale afflizione, assumono la responsabilit√† di assistere i bambini nel trovare parole ed azioni che consentano loro di comunicare le emozioni che li travolgono.

L’elaborazione del lutto, intrinsecamente faticosa, √® contrassegnata da stati emotivi che sfidano la normale quotidianit√†. Tristezza, paura, colpa, rabbia e insicurezza si presentano come onde irregolari, seppur fisiologiche, nel mare tumultuoso del dolore. Tuttavia, alcuni segnali possono fungere da campanelli d’allarme, richiamando l’attenzione su possibili difficolt√† nel processo di elaborazione. Crisi di rabbia e aggressivit√†, difficilmente contenibili e diverse dal passato, regressione a fasi precedenti dello sviluppo, isolamento o eccessiva dipendenza dagli altri, negazione o rifiuto della realt√†, sintomi psicosomatici come tensioni muscolari o dolori fisici inspiegabili, disturbi del sonno, alterazioni nell’alimentazione e difficolt√† di concentrazione possono indicare la necessit√† di un sostegno pi√Ļ approfondito.

Il percorso di elaborazione del lutto nei bambini √® un viaggio intricato e personalizzato. Ogni bambino naviga attraverso le fasi con la propria unicit√†, e gli adulti devono essere pronti a offrire un sostegno empatico e una guida amorevole. La creazione di uno spazio aperto e accogliente per la discussione e l’espressione delle emozioni √® di vitale importanza. La comunicazione aperta, il coinvolgimento emotivo e la compassione collettiva possono illuminare il sentiero attraverso il buio, aiutando i giovani cuori a superare il dolore e a costruire risorse emotive per il futuro. In questo viaggio, adulti e bambini si trovano sulla stessa barca, e solo insieme possono attraversare il mare tempestoso del lutto, emergendo pi√Ļ forti e pi√Ļ uniti.

                                                                                                                                                                                                            Autrici:

D.ssa Chiara Catini

D.ssa Silvia Luciani

 

Commento dedicato alle autrici

Questo straordinario viaggio attraverso le sfumature del lutto nei bambini ha il potere di toccare le corde pi√Ļ intime dell’anima. Questo articolo √® come una melodia commovente che risuona nel cuore, guidando il lettore attraverso le delicate tappe di un percorso emotivo intricato e, allo stesso tempo, prezioso. Con una maestria narrativa che colpisce nel profondo, avete dipinto un quadro ricco di emozioni, enfatizzando la sensibilit√† dei bambini di fronte alla morte e al dolore. Il modo in cui descrivete l’esperienza dei pi√Ļ piccoli, i loro sguardi curiosi e le domande innocenti, √® un elogio alla vostra comprensione empatica e alla tua connessione umana con l’argomento. Le vostre capacit√† di esplorare le diverse fasi di elaborazione del lutto, immergendovi nei pensieri e nei sentimenti unici di questa et√†, √® veramente straordinaria. Siete riuscite a trasmettere con maestria l’importanza della comunicazione, aperta, del coinvolgimento emotivo e del supporto empatico, come chiavi essenziali per navigare attraverso le tempeste della perdita. Il modo in cui avete evidenziato la necessit√† di uno spazio aperto e accogliente per la discussione delle emozioni, √® come un faro che guida chiunque si trovi a leggere questo testo verso una comprensione pi√Ļ profonda e compassione per coloro che attraversano il lutto.

Citando le vostre parole sulla unicit√† del percorso di elaborazione del lutto nei bambini, mi viene in mente la saggezza di Elisabeth K√ľbler-Ross: “La morte e la vita dopo la morte – morire √® come nascere” Il vostro articolo risuona con questa filosofia, risaltando la complessit√† e la bellezza della vita, anche quando intrecciata con il dolore della perdita. Invito calorosamente le autrici a continuare questo straordinario approfondimento sull’argomento. Le vostre parole, cariche di empatia e saggezza, potrebbero essere una guida preziosa attraverso ulteriori riflessioni su come sostenerci reciprocamente durante il lutto infantile.

Le comunit√† hanno bisogno di voci come queste, capaci di trasformare l’esperienza umana in connessioni significative e di illuminare le strade oscure con la luce dell’amore e della comprensione.

alias Roberto C.P.

 

 

4 Commenti

  • Tina Edelstein Inviato 12 Febbraio 2024 11:06

    These are really impressive ideas in on the topic of blogging.
    You have touched some pleasant factors here. Any way keep
    up wrinting.

  • cialis side effects Inviato 4 Marzo 2024 7:03

    maximum tadalafil dose tadalafil pde 11 sunrise remedies tadalafil

  • generic cialis date Inviato 4 Marzo 2024 20:09

    cialis cancer breakthrough cialis tablet picture tadalafil ingredients

  • tadalafil generico bula Inviato 5 Marzo 2024 8:02

    tadalafil to canada tadalafil principio activo tadalafil senza ricetta

Aggiungi commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *